Associazione Nazionale Partigiani d'Italia - Comitato Provinciale di Trieste
Vsedržavno Združenje Partizanov Italije - Tržaški Pokrajinski Odbor
tessera

Avvenimenti

Dogodki

Il 15 luglio 2015, nella sede della Prefettura di Trieste,  è stato raggiunto un accordo sulla sistemazione dell'area commemorativa adiacente al  Poligono di Tiro di Opicina. Un muro divisorio garantirà il libero accesso all' area monumentale.

L'accordo è stato sottoscritto dai rappresentanti delle Istituzioni nazionali e dell'Unione Tiro a Segno nonché dai rappresentanti delle organizzazioni che da decenni si battono per una sistemazione decorosa del luogo dove il 15 dicembre 1941 Viktor Bobek, Simon Kos, Ivan Ivančič, Pinko Tomažič, Ivan Vadnal, gli eroici martiri del Secondo processo di Trieste, caddero sotto il piombo fascista.

Un accordo storico, possiamo ben dirlo, poiché sino ad oggi, in questa storia infinita, chi ha cercato di risolvere l' annosa situazione, non ultimo il presidente Sandro Pertini, è sempre incappato contro un muro di chiusura all'antifascismo, alla resistenza, alla lotta di liberazione ed è cozzato, in primo luogo, contro una barriera antislovena che nella nostra città significa chiusura ad una vita  basata sull'eguaglianza e sulla creatività delle due anime di Trieste, l' italiana e la slovena.

Da dove deriva questo cambiamento?

Nel nostro Paese, specialmente nella nostra città, l'atmosfera è meno inquinata,  l'aria diversa che si respira ha appianato il percorso alle Istituzioni, nazionali e locali, consentendo loro questo atto doveroso.

Perciò: un sentito grazie alla dott. Francesca Adelaide Garufi per essersi costantemente adoperata in tal senso, grazie al Sindaco Roberto Cosolini che già precedentemente si era anche personalmente impegnato, grazie alla  giunta comunale.

Il più sentito ringraziamento vada a tutti coloro che, da decenni e in modi diversi, si sono positivamente prodigati  in questa infinita lotta politica.
Grazie a tutti i cittadini che da ambedue le parti di quello che a lungo fu il confine italo-sloveno sono, anno dopo anno, sempre presenti in questo luogo simbolo di violenza, di dolore e di resistenza.

Confidiamo che al termine di questa prima fase di lavoro potremo portare a termine, assieme alle Istituzioni, il nostro progetto del Parco della Pace, oggi più che mai attuale.

Giovanna Stanka Hrovatin

Predstavniki organizacij, ki se desetletja zavzemamo za dostojno spomeniško ureditev kraja, kjer so 15. decembra 1941 pod fašističnimi svinčenkami padle žrtve drugega tržaškega procesa Viktor Bobek, Simon Kos, Ivan Ivančič, Pinko Tomažič, Ivan Vadnal, smo na tržaški prefekturi, 15. julija 2015, skupaj s predstavniki državnih institucij in Strelskega društva podpisali sporazum, ki ga upravičeno imenujemo zgodovinski: končno bo spomeniško območje, z zidom ločeno od streljanja, vsem dostopno.

Zgodovinski sporazum zato, ker smo v tej neskončni zgodbi do danes vsakič trčili, ne nazadnje sam predsednik Sandro Pertini, ob zanikanje dejstva, da so antifašizem, odporništvo in osvobodilna vojna temelj demokracije v Italiji, trčili predvsem ob zid protislovenstva, kar v Trstu pomeni zid proti enakopravnemu in ustvarjalnemu sobivanju obeh tržaških duš, italijanske in slovenske.

Odkod sprememba?

V naši državi, predvsem pa v našem mestu, je zapihal drugačen veter, ozračje se je zjasnilo in zgladilo pot institucijam, da so lahko opravile svojo dolžnost. Zato hvala prefektinji gospe Franceschi Adelaide Garufi za ves trud, ki ga je vložila, hvala županu Robertu Cosoliniju, ki se je tudi osebno obvezal, hvala občinskemu odboru.

Največja zahvala pa gre vsem, ki so se desetletja na različne načine zavzemali za dostojen izid te neskončne politične bitke. In vsem, tostran in onstran dovčerajšnje meje, ki leto za letom prihajajo v ta kraj  nasilja, žalosti in upora.

Nadejamo si, da bomo ob zaključku te prve faze spet skupno z institucijami nadaljevali pot do uresničitve Parka miru, ki postaja danes čedalje bolj aktualen.



     Giovanna Stanka Hrovatin

Avvenimenti

Dogodki