Associazione Nazionale Partigiani d'Italia - Comitato Provinciale di Trieste
Vsedržavno Združenje Partizanov Italije - Tržaški Pokrajinski Odbor
tessera
immagine articolo di fondo

Incontro con il Prefetto di Trieste

 

Si è svolto l’8 ottobre 2018 l'incontro con il Prefetto di Trieste Annapaola Porzio e una delegazione dei firmatari dell'appello a vietare il raduno di Casa Pound previsto per il 3 novembre prossimo (Gialuz dell'IRSREC, Sabatti del Circolo della Stampa, Marsič dell'SKGZ, Vallon dell’ANPI/VZPI Cozzolino delle ACLI).

La delegazione ha ribadito la richiesta di non autorizzare il raduno per ragioni di rispetto e dignità della cittadinanza democratica di Trieste, suggerendo l'applicazione della legge Scelba e delle disposizioni transitorie della Costituzione.

Il Prefetto ha dichiarato che non esistono i presupposti giuridici per vietare una manifestazione di una formazione che ha rappresentanti nel parlamento italiano.

Ha comunque ribadito l'intenzione della Prefettura di autorizzare un percorso che non risulti provocatorio, escludendo - su richiesta della delegazione - la Risiera, la sede del Narodni Dom (attualmente sede dell'Università di Trieste) e il monumento ai fucilati di Basovizza.

La delegazione ha richiesto al Prefetto che il raduno venga sottoposto a controlli al fine di impedire saluti, gesti e parole che prefigurino una violazione delle leggi vigenti e della Costituzione.

Sua Eccellenza il Prefetto, comprendendo l'esigenza di dar vita a una civile protesta nella stessa giornata del 3 novembre, ha formulato l'invito a evitare manifestazioni concomitanti, con conseguenti possibili occasioni di contatto e di scontro.

 

Gialuz (IRSREC) 
Sabatti (Circolo della Stampa)
Marsič (SKGZ)
Vallon (Anpi-Vzpi)
Cozzolino (Acli Trieste)

 

Srečanje s tržaško prefektinjo

 

Ekscelenca tržaški prefekt Annapaola Porzio se je 8. oktobra sestala z delegacijo podpisnikov poziva o prepovedi shoda Casa Pound, predvidenega za 3. november, ki so jo sestavljali Gialuz za IRSREC, Sabatti za Novinarski krožek, Marsič za SKGZ, Vallon za ANPI/VZPI in Cozzolino za ACLI.

Delegacija je ponovila zahtevo po prepovedi shoda iz dostojanstva in spoštovanja do demokratičnega prebivalstva Trsta ter predlagala izvajanje zakona Scelba ter prehodnih določil Ustave.

Prefektinja je izjavila, da ni pravnih predpostavk za prepoved manifestacije nekega gibanja, ki ima svoje predstavnike v italijanskem parlamentu.

Vsekakor je poudarila, da namerava prefektura dovoliti sprevod, ki ne bo imel izzivalnega značaja, na zahtevo delegacije pa ne bo dovolila obiska Rižarne, sedeža Narodnega doma (današnjega sedeža Tržaške univerze) in spomenika ustreljenih v Bazovici.

Delegacija je prefektinjo zaprosila, da bi bil shod podvržen kontrolam z namenom, da bi preprečili pozdrave, besede in dejanja, ki so v nasprotju z obstoječimi zakoni in z Ustavo.

Prefektinja je izrazila razumevanje za uprizoritev miroljubne protestne manifestacije istega 3. novembra, vendar z željo, da bi manifestaciji ne bili sočasni, kar bi lahko postalo razlog za kontakt in spopad.

 

Gialuz (IRSREC)
Sabatti (Novinarski krožek)
Marsič (SKGZ)
Vallon (Anpi-Vzpi)
Cozzolino (Acli Trst)

LETTERA APERTA AL PREFETTO, AL QUESTORE ED AL SINDACO DI TRIESTE 
SULLA PROSPETTATA MANIFESTAZIONE DI CASA POUND PREVISTA PER IL PROSSIMO
3 NOVEMBRE 2018

 

Trieste è stata tra le primissime città italiane a sperimentare la violenza dello squadrismo fascista con l’incendio del Narodni Dom nel luglio del 1920.

Trieste ha visto i propri concittadini di lingua e cultura slovena privati dei propri cognomi, dei propri toponimi, impediti ad esercitare le proprie attività sportive, culturali ed economiche, obbligati con la violenza a non usare la propria madrelingua. Trieste ottanta anni fa ha visto nella piazza simbolo della città enunciare le leggi razziali che hanno tragicamente colpito i cittadini italiani di religione e cultura ebraica.

Trieste ha visto gli orrori della guerra scatenata dal nazifascismo, è stata ignobilmente ceduta dai fascisti ai nazisti diventando parte integrante del Terzo Reich. Trieste ha visto i paesi del suo carso bruciati dai nazifascisti.

A Trieste ha funzionato l’unico campo di sterminio nazista in Italia. Da Trieste è partito il maggior numero di convogli ferroviari destinati ai campi di sterminio gestiti dai nazisti in tutta Europa. Trieste ha subito la vicenda delle foibe, tragica e sbagliata reazione scatenata proprio dalle violenze nazionaliste e fasciste del ventennio nero.

Ma Trieste ha reagito. E’ città medaglia d’oro al valor militare per la lotta di liberazione, come la vicina Muggia medaglia d’argento. Nel secondo dopoguerra è stata capace di risollevarsi e ricostruire, seppur lentamente e con fatica, un clima di rispetto e di pacifica convivenza. A Trieste si è sperimentato, con successo e molto prima di Maastricht, il confine più aperto in un Europa allora divisa in blocchi politici e militari contrapposti. Trieste è stata, e vorremmo sia ancora, la città del Concerto dei Tre Presidenti.

Per tutti questi motivi, e per tanti altri ancora, non possiamo credere che a Trieste possa svolgersi una manifestazione di chiaro stampo revisionista, fascista e razzista, xenofoba e nostalgica, a 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale, che il papa di allora definì “l’inutile strage”.

Chiediamo pertanto che il Prefetto, il Questore, il Sindaco di Trieste, ognuno nelle proprie competenze e responsabilità, si adoperino per non autorizzare la manifestazione e impedire un simile oltraggio alla città. Non è in gioco la libertà d’opinione, che proprio la vittoria sul fascismo ha garantito, ma il rispetto della Costituzione Italiana.

Trieste, 16 settembre 2018

Fabio Vallon
Presidente del Comitato Provinciale ANPI VZPI Trieste

ODPRTO PISMO PREFEKTU, KVESTORJU IN TRŽAŠKEMU ŽUPANU
GLEDE  MANIFESTACIJE ORGANIZACIJE CASA POUND, KI JE PREDVIDENA ZA PRIHODNJI
3. NOVEMBER 2018

 

 

Trst je eno prvih italijanskih mest, ki so s požigom Narodnega doma julija 1920 občutila nasilje fašističnega škvadrizma.

Trst je občutil, kako so njegovim občanom slovenskega jezika in kulture potujčili priimke in krajevna imena, kako so jim preprečili, da bi nadaljevali svoje športne, kulturne in gospodarske dejavnosti in kako so jim nasilno preprečili uporabo materinega jezika.

Trst je pred osemdesetimi leti na svojem glavnem trgu doživel napoved rasnih zakonov, ki so tragično prizadeli italijanske državljane židovske vere in kulture. Trst je spoznal grozote vojne, ki jo je sprožil nacifašizem.

Trst so fašisti podlo izročili nacistom, da je postal sestavni del tretjega rajha. Trst je bil prisiljen gledati, kako so nacifašisti požigali kraške vasi. V Trstu je obratovalo edino nacistično uničevalno taborišče v Italiji. Iz Trsta je odpotovalo največ železniških vagonov proti uničevalnim taboriščem, ki so jih upravljali nacisti po vsej Evropi. Trst je doživel fojbe, tragično in zgrešeno reakcijo, ki jo je sprožilo prav nacionalistično in fašistično nasilje med črnim dvajsetletjem.

A Trst je reagiral. Bil je deležen zlate kolajne za vojaške zasluge med osvobodilnim bojem, kot so sosednje Milje prejele srebrno. Po vojni mu je uspelo, četudi počasi in s težavo, da se je dvignil in ustvaril vzdušje spoštovanja in miroljubnega sožitja. Trst je preizkusil uspešno in veliko prej kot Maastricht najbolj odprto mejo v Evropi, ki je bila tedaj razdeljena na nasprotujoče si politične in vojaške bloke. Trst je bilo mesto, kjer se je odvijal koncert treh predsednikov in želimo si, da bi takšno tudi ostalo.

Iz vseh teh in še drugih razlogov ne moremo verjeti, da bi se v Trstu, sto let po koncu prve svetovne vojne, ki jo je tedanji papež označil za »nepotreben pokol«, odvijala manifestacija z očitnim revizionističnim, fašističnim, ksenofobim in nostalgičnim predznakom.

Zato se obračamo na prefekta, kvestorja in tržaškega župana, da bi se vsak v mejah svojih pristojnosti in odgovornosti zavzeli za prepoved te manifestacije in s tem preprečil hudo žaljenje našega mesta. Ni v igri svoboda mišljenja, ki jo je zajamčila prav zmaga nad fašizmom, temveč spoštovanje Italijanske ustave.

Trst, 16. septembra 2018


Fabio Vallon
Predsednik pokrajinskega odbora ANPI-VZPI za Trst

APPELLO PER UNA MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA PER RIAFFERMARE I VALORI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA
PER IL 3 NOVEMBRE 2018 A TRIESTE

 

Tante, tantissime voci, laiche e religiose, si sono alzate a Trieste in questi giorni contro la provocatoria manifestazione dei fascisti del terzo millennio di Casa Pound, oltraggio alla città medaglia d’oro della Resistenza. A fronte della concreta possibilità che la manifestazione possa effettivamente svolgersi, è giunto il momento di una grande unità antifascista e di mobilitazione popolare contro i fascismi ed i razzismi, come 73 anni fa. Non è questo il tempo di aspettare, non è questo il tempo di eccessivi distinguo, non è questo il tempo di privilegiare interessi particolari di consenso, di rendita di posizione o di rappresentanza. Non è questo il tempo degli indifferenti.

Chiediamo ai cittadini e alle cittadine democratiche di Trieste, a tutte le forze politiche, economiche, culturali, sindacali e religiose della nostra città che si riconoscono nei valori dell’antifascismo e della Costituzione Italiana di partecipare ad una gande, pacifica, inclusiva manifestazione per dire no all’odio, alla paura, alla violenza ed alla discriminazione, e per dire un forte sì alla solidarietà, al rispetto dell’altro e per riscoprire il valore ed il senso delle nobili parole fratellanza e pace, che sono alla base della democrazia e dell’antifascismo.

Trieste, 24 settembre 2018

Fabio Vallon
Presidente del Comitato Provinciale ANPI VZPI di Trieste

Le adesioni possono essere inviate a anpivzpi@gmail.com

 

 

POZIV ZA ANTIFAŠISTIČNO MANIFESTACIJO V PODPORO VREDNOT ITALIJANSKE USTAVE,
3. NOVEMBRA V TRSTU

 

Veliko, res veliko laičnih in verskih glasov se je v teh dneh dvignilo v Trstu proti provokativni manifestaciji fašistov tretjega tisočletja Case Pound, kar predstavlja hudo žalitev za mesto, ki je prejelo zlato kolajno odporništva. Spričo resne možnosti, da do te manifestacije resnično pride, je kot pred 73 leti napočil trenutek za veliko antifašistično enotnost ter za ljudsko mobilizacijo proti fašizmom in rasizmom. Sedaj ni več čas za čakanje, ni več čas za dlakocepljenje, za previligiranje posebnih privolilnih interesov, za raprezentančne in pozicijske rente.

Demokratične občanke in občanke Trsta in vse politične, gospodarske, kulturne, sindikalne in verske sile našega mesta, ki se prepoznavajo v vrednotah antifašizma ter italijanske ustave, pozivamo, da se udeležijo velike miroljubne manifestacije za zavrnitev sovraštva, strahu, nasilja in diskriminacij ter za potrditev solidarnosti, spoštovanja do bližnjega ter za potrditev vrednote in smisla plemenitih besed, kot sta bratstvo in mir, ki sta osnovi demokracije in antifašizma.

Trst, 24. septembra 2018

Fabio Vallon
Predsednik pokrajinskega odbora ANPI-VZPI za Trst

Svoj pristanek lahko pošljete na anpivzpi@gmail.com

immagine articolo di fondo

 

La geografia della deportazione

 

Le immagini di questa mostra accompagnano il visitatore in tanti luoghi, veramente tanti, ma si tratta di una piccola parte tra tutte le migliaia di località, dove la politica e l’ideologia nazista avevano predisposto le strutture per imprigionare, costringere al lavoro obbligatorio, controllare e sopprimere milioni di persone.

Lo sfruttamento a scopo economico e l’eliminazione fisica, con motivazioni razziste, hanno determinato nel corso della seconda guerra mondiale un immenso trasferimento forzato di persone dai territori occupati dall’esercito tedesco – cioè gran parte dell’Europa – verso i Lager in Germania, Polonia, Francia, Italia, e altri Stati.

Francesco Pinzi e Ilde Bottoli hanno percorso molte e lunghe strade per documentare quel che resta di quegli spazi e di quelle architetture, dando conto attraverso la quantità dei luoghi e la qualità delle immagini, della geografia dell’orrore, che la dittatura nazista ha realizzato, utilizzando una raffinata burocrazia, la rete ferroviaria, il supporto delle forze armate tedesche e una struttura modernamente organizzata, come i Lager, che fu pensata, progettata e attuata per il controllo e lo sfruttamento di uomini e donne, fino al loro annientamento.

Merito degli autori è la documentazione anche sui campi di concentramento realizzati in tutti gli Stati che hanno collaborato con i nazisti, in particolare quelli sorti in Italia, in Francia, in Croazia, senza trascurare le realizzazioni del regime fascista fin dal 1941 per controllare i deportati civili dai territori occupati dall’Italia in Jugoslavia.

I viaggi degli autori, come documentano le immagini esposte, sono stati molte volte accompagnati da centinaia di studenti e da testimoni, che in quei campi hanno vissuto alcuni mesi o anni della loro gioventù. Le parole dei testimoni, i luoghi, con quel che resta delle strutture, e i monumenti eretti a memoria di quel che è stato sono sicuramente un modo efficace di stimolare la riflessione sulla nostra storia e favorire la conservazione della memoria di un’epoca tragica, segnata dalla dittatura e dalla guerra.

L’Associazione ex Deportati nei Lager nazisti di Trieste ha caldeggiato l’esposizione anche a Trieste della mostra “Lager Europa” e la proposta è stata accolta con favore dal Comune di Trieste, che ha offerto gli spazi espositivi presso il Civico Museo della Risiera di San Sabba, luogo utilizzato, nel periodo 1943-1945, per la detenzione (e spesso la soppressione) di partigiani italiani, sloveni e croati e come punto di transito per deportati politici e razziali verso buona parte dei Lager presenti nelle immagini.

 

Franco Cecotti

Vice Presidente Aned provinciale di Trieste

Eventi del mese

Dogodki v mesecu

Novembre 2018
DoLuMaMeGiVeSa
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
17/11/2018 09:00
Aula Baciocchi, Androna Baciocchi, 4 - Dvorana Baciocchi, Androna Baciocchi, 4

Convegno: Razzismi italiani 1938-2018

Srečanje: Italijanski rasizmi 1938-2018