Associazione Nazionale Partigiani d'Italia - Comitato Provinciale di Trieste
Vsedržavno Združenje Partizanov Italije - Tržaški Pokrajinski Odbor
tessera

Notiziario ANPI - fondo

Incontro con il Prefetto di Trieste - Srečanje s tržaško prefektinjo

Incontro con il Prefetto di Trieste

 

Si è svolto l’8 ottobre 2018 l'incontro con il Prefetto di Trieste Annapaola Porzio e una delegazione dei firmatari dell'appello a vietare il raduno di Casa Pound previsto per il 3 novembre prossimo (Gialuz dell'IRSREC, Sabatti del Circolo della Stampa, Marsič dell'SKGZ, Vallon dell’ANPI/VZPI Cozzolino delle ACLI).

La delegazione ha ribadito la richiesta di non autorizzare il raduno per ragioni di rispetto e dignità della cittadinanza democratica di Trieste, suggerendo l'applicazione della legge Scelba e delle disposizioni transitorie della Costituzione.

Il Prefetto ha dichiarato che non esistono i presupposti giuridici per vietare una manifestazione di una formazione che ha rappresentanti nel parlamento italiano.

Ha comunque ribadito l'intenzione della Prefettura di autorizzare un percorso che non risulti provocatorio, escludendo - su richiesta della delegazione - la Risiera, la sede del Narodni Dom (attualmente sede dell'Università di Trieste) e il monumento ai fucilati di Basovizza.

La delegazione ha richiesto al Prefetto che il raduno venga sottoposto a controlli al fine di impedire saluti, gesti e parole che prefigurino una violazione delle leggi vigenti e della Costituzione.

Sua Eccellenza il Prefetto, comprendendo l'esigenza di dar vita a una civile protesta nella stessa giornata del 3 novembre, ha formulato l'invito a evitare manifestazioni concomitanti, con conseguenti possibili occasioni di contatto e di scontro.

 

Gialuz (IRSREC) 
Sabatti (Circolo della Stampa)
Marsič (SKGZ)
Vallon (Anpi-Vzpi)
Cozzolino (Acli Trieste)

 

Srečanje s tržaško prefektinjo

 

Ekscelenca tržaški prefekt Annapaola Porzio se je 8. oktobra sestala z delegacijo podpisnikov poziva o prepovedi shoda Casa Pound, predvidenega za 3. november, ki so jo sestavljali Gialuz za IRSREC, Sabatti za Novinarski krožek, Marsič za SKGZ, Vallon za ANPI/VZPI in Cozzolino za ACLI.

Delegacija je ponovila zahtevo po prepovedi shoda iz dostojanstva in spoštovanja do demokratičnega prebivalstva Trsta ter predlagala izvajanje zakona Scelba ter prehodnih določil Ustave.

Prefektinja je izjavila, da ni pravnih predpostavk za prepoved manifestacije nekega gibanja, ki ima svoje predstavnike v italijanskem parlamentu.

Vsekakor je poudarila, da namerava prefektura dovoliti sprevod, ki ne bo imel izzivalnega značaja, na zahtevo delegacije pa ne bo dovolila obiska Rižarne, sedeža Narodnega doma (današnjega sedeža Tržaške univerze) in spomenika ustreljenih v Bazovici.

Delegacija je prefektinjo zaprosila, da bi bil shod podvržen kontrolam z namenom, da bi preprečili pozdrave, besede in dejanja, ki so v nasprotju z obstoječimi zakoni in z Ustavo.

Prefektinja je izrazila razumevanje za uprizoritev miroljubne protestne manifestacije istega 3. novembra, vendar z željo, da bi manifestaciji ne bili sočasni, kar bi lahko postalo razlog za kontakt in spopad.

 

Gialuz (IRSREC)
Sabatti (Novinarski krožek)
Marsič (SKGZ)
Vallon (Anpi-Vzpi)
Cozzolino (Acli Trst)